Verona sconfitta a Roma per 3-1

Verona chiude il primo tempo per 3-0 contro una Roma in palla. Mancini, Mkhitarian e Mayoral i marcatori. La terza difesa del campionato prende tre gol in 9 minuti con tre topiche del portiere Silvestri in odore di trasferimento ad una squadra di alta classifica come la Roma.

Uno “spiffero invisibile”. Il pallone di Mkhitaryan sembra viaggiare in un solco ideale cogliendo un angolo quasi impossibile. La Roma ha battuto una squadra che ha portato via punti a quasi tutte le big. Quella contro l’HellasVerona è una grande vittoria. Così commentano i tifosi romanisti.

L’allenatore dell’Hellas Verona Ivan Juric ha detto che “tifosi e giornalisti sono fuori di testa” e ha ammesso che la sconfitta per 3-1 contro la Roma in Serie A è stata “un campanello d’allarme”. Juric ha detto che i suoi giocatori non possono permettersi di “rilassarsi” e non vuole vedere di nuovo uno scenario simile. “Se i miei giocatori si rilassano, finisce male. È un campanello d’allarme, quello che abbiamo visto oggi non deve accadere”.

Mister partita segnata da quei tre gol subiti in 6 minuti l’approccio e poi il secondo tempo sono stati anche buoni abbiamo iniziato molto bene la partita cioè dove roma non si è avvicinato però sul primo calcio d’angolo dove può avere anche uscito che era fuori che un saltatore abbiamo preso gol in quel 7 8 minuti veramente abbiamo fatto male abbiamo fatto male anche un po dopo è chiaro che sino sei o al massimo oltre c’è poi fatica e oggi sa vista

Onestamente cia da rendere merito anche alla roma alla vigilia della partita insomma una grande squadra. Io penso che c’è una differenza enorme penso ma non solo con loro con napoli con tutte quelle squadre lazio loro fanno un altro sport poi noi spesso siamo riusciti con concon le cose nostre metterli in difficoltà oggi non siamo riusciti bisogna bisogna accettarlo però si può perdere penso che giusto anche perdere magari anche con una differenza reti più ampia però c’è quelle minuti la non mi sono piaciuti perché sono dei gol che che noi noi non dobbiamo prenderli.

Ti è piaciuto come entrato Lasagna come ha debuttato Lasagna e a Verona da pochi giorni ma ha mostrato subito una bellà vivacità. Noi abbiamo bisogno di tutti cioè noi abbiamo tantissime scelte che possiamo fare chissà cosa oggi lui è entrato penso che ha dato vivacità quelle che sono sue caratteristiche poteva fare gol deve inserirsi con con tranquillità serenità e sicuramente farà bene.

Adesso ripartire stato un incidente di percorso guardare a Udine alla prossima partita come sempre del resto sarà sempre dura c’è anche udinese oggi guardandoli successi sono campioni noi noi come sempre se siamo giusti tosti possiamo competere se ci manca un poco di tutto quello allora rischiamo con qualsiasi squadra per cui bisogna non cancellarlo però serve una bella lezione ripartiamo con un piede giusto come sempre dai.

Mister Juric, dopo partita.

Roma – Verona 3-1 Tabellino

Roma-Verona 3-1 (primo tempo 3-0)

Marcatori: 20′ Mancini, 22′ Mkhitaryan, 30′ Mayoral, 62′ Colley
Assist: 20’ Pellegrini, 62’ Bessa
Ammoniti: 17′ Pellegrini, 23′ Faraoni, 38′ Kumbulla

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Smalling (12′ Kumbulla), Ibanez; Karsdorp (81′ Peres), Villar (71′ Cristante), Veretout (81′ Diapra), Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Borja Mayoral (81′ Perez). All.:  Paulo Fonseca.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Gunter, Ceccherini (36’st Udogie); Faraoni (57′ Dimarco), Tameze, Ilic (57′ Bessa), Lazovic; Barak, Zaccagni (57′ Colley); Kalinic (45′ Lasagna).  All.: Ivan Juric.

Arbitro: Piccinini