Serie A : Verona – Parma, Formazioni, Pronostico, dove vederla in Tv

L’Hellas Verona accoglie allo stadio Marcantonio Bentegodi il Parma per uno scontro di Serie A. I gialloblu occupano attualmente la nona posizione in classifica dopo una stagine abbastanza impressionante nonostante le ultime due sconfitte (Udinese, Roma). Con otto vittorie su 21 partite, la squadra di Ivan Juric è a soli quattro da quella che ha gestito la scorsa stagione.

La situazione è piuttosto drammatica a Parma, che sta guardando il baratro dopo due anni nella massima serie. Hanno vinto solo due volte – il numero più basso della divisione in questa fase insieme al Torino. Il Parma ha segnato solo 14 gol, record negativo in Serie A. L’allenatore Fabio Liverani è stato licenziato il mese scorso. Roberto D’Aversa, il sostituto, ha perso quattro volte e pareggiato una volta nelle sue cinque partite in carica. Se la fortuna non gira, sarà molto difficile per il Parma aggrapparsi alla massima serie.

Verona – Parma: Probabili Formazioni

Marco Benassi e Andrea Favilli sono assenti di lunga data mentre Federico Ceccherini ha subito un infortunio alla coscia a inizio mese. Miguel Veloso si sta avvicinando al suo ritorno da un problema al polpaccio, ma questa partita potrebbe essere arrivata troppo presto per lui. Allo scontro mancheranno anche Davide Faraoni e Mattia Zaccagni, sospesi per accumulo di cartellini gialli.

Tanti infortuni per il Parma incluso l’ultimo arrivato Pellè. Hans Nicolussi, Lautaro Valenti, Roberto Inglese, Giuseppe Pezzella, Maxime Busi e Simone Iacoponi.

Hellas Verona (3-1-4-2): Marco Silvestri; Pawel Dawidowicz, Koray Gunter, Federico Dimarco; Daniel Bessa, Adrien Tameze, Antonin Barak, Darko Lazovic; Kevin Lasagna, Ebrima Colley; Nikola Kalinic.

Parma (3-4-3): Luigi Sepe; Mattia Bani, Yordan Osorio, Bruno Alves; Andrea Conti, Gaston Brugman, Jasmin Kurtic, Riccardo Gagliolo; Juraj Kucka, Andreas Cornelius, Gervinho.

Hellas Verona-Parma il Pronostico

In 14 partite, il Verona ha vinto otto partite e perso solo quattro volte. Una di queste sconfitte è arrivata all’inizio di questa stagione a ottobre, quando il Parma ha vinto 1-0 in casa. Date le assenze del Parma e le sconfitte del Verona nelle ultime due uscite, pensiamo che per l’Hellas sia arrivato il momento di tornare alla vittoria. Verona Parma 2-1 e over 2,5.

Bookmaker
Careatteristiche.
Bonus
Rating
Visita
1 Snai Logo
5€ gratis senza deposito

Hellas Verona-Parma dove vederla

Verona sconfitta a Roma per 3-1

Verona chiude il primo tempo per 3-0 contro una Roma in palla. Mancini, Mkhitarian e Mayoral i marcatori. La terza difesa del campionato prende tre gol in 9 minuti con tre topiche del portiere Silvestri in odore di trasferimento ad una squadra di alta classifica come la Roma.

Uno “spiffero invisibile”. Il pallone di Mkhitaryan sembra viaggiare in un solco ideale cogliendo un angolo quasi impossibile. La Roma ha battuto una squadra che ha portato via punti a quasi tutte le big. Quella contro l’HellasVerona è una grande vittoria. Così commentano i tifosi romanisti.

L’allenatore dell’Hellas Verona Ivan Juric ha detto che “tifosi e giornalisti sono fuori di testa” e ha ammesso che la sconfitta per 3-1 contro la Roma in Serie A è stata “un campanello d’allarme”. Juric ha detto che i suoi giocatori non possono permettersi di “rilassarsi” e non vuole vedere di nuovo uno scenario simile. “Se i miei giocatori si rilassano, finisce male. È un campanello d’allarme, quello che abbiamo visto oggi non deve accadere”.

Mister partita segnata da quei tre gol subiti in 6 minuti l’approccio e poi il secondo tempo sono stati anche buoni abbiamo iniziato molto bene la partita cioè dove roma non si è avvicinato però sul primo calcio d’angolo dove può avere anche uscito che era fuori che un saltatore abbiamo preso gol in quel 7 8 minuti veramente abbiamo fatto male abbiamo fatto male anche un po dopo è chiaro che sino sei o al massimo oltre c’è poi fatica e oggi sa vista

Onestamente cia da rendere merito anche alla roma alla vigilia della partita insomma una grande squadra. Io penso che c’è una differenza enorme penso ma non solo con loro con napoli con tutte quelle squadre lazio loro fanno un altro sport poi noi spesso siamo riusciti con concon le cose nostre metterli in difficoltà oggi non siamo riusciti bisogna bisogna accettarlo però si può perdere penso che giusto anche perdere magari anche con una differenza reti più ampia però c’è quelle minuti la non mi sono piaciuti perché sono dei gol che che noi noi non dobbiamo prenderli.

Ti è piaciuto come entrato Lasagna come ha debuttato Lasagna e a Verona da pochi giorni ma ha mostrato subito una bellà vivacità. Noi abbiamo bisogno di tutti cioè noi abbiamo tantissime scelte che possiamo fare chissà cosa oggi lui è entrato penso che ha dato vivacità quelle che sono sue caratteristiche poteva fare gol deve inserirsi con con tranquillità serenità e sicuramente farà bene.

Adesso ripartire stato un incidente di percorso guardare a Udine alla prossima partita come sempre del resto sarà sempre dura c’è anche udinese oggi guardandoli successi sono campioni noi noi come sempre se siamo giusti tosti possiamo competere se ci manca un poco di tutto quello allora rischiamo con qualsiasi squadra per cui bisogna non cancellarlo però serve una bella lezione ripartiamo con un piede giusto come sempre dai.

Mister Juric, dopo partita.

Roma – Verona 3-1 Tabellino

Roma-Verona 3-1 (primo tempo 3-0)

Marcatori: 20′ Mancini, 22′ Mkhitaryan, 30′ Mayoral, 62′ Colley
Assist: 20’ Pellegrini, 62’ Bessa
Ammoniti: 17′ Pellegrini, 23′ Faraoni, 38′ Kumbulla

Roma (3-4-2-1): Pau Lopez; Mancini, Smalling (12′ Kumbulla), Ibanez; Karsdorp (81′ Peres), Villar (71′ Cristante), Veretout (81′ Diapra), Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Borja Mayoral (81′ Perez). All.:  Paulo Fonseca.

Verona (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Gunter, Ceccherini (36’st Udogie); Faraoni (57′ Dimarco), Tameze, Ilic (57′ Bessa), Lazovic; Barak, Zaccagni (57′ Colley); Kalinic (45′ Lasagna).  All.: Ivan Juric.

Arbitro: Piccinini

Serie A : Roma v Verona, Formazioni, Pronostico e dove seguirla

Punto in più o meno la partita con il Verona non è stata esattamente una passeggiata introduttiva al secondo anno di Fonseca. Da quel momento in poi la Roma si è messa a macinare punti e gioco fino ad arrivare al terzo posto mentre il Verona è rimasto attaccato all’ottavo posto. La vittoria contro il Napoli ha consolidato la posizione in classifica come squadra che può puntare ai posti che valgono l’Europa. Dopo le vittorie contro Spezia e Napoli, rispettivamente al cardiopalma ed in grande stile, Fonseca e Juric cercano continuità.

Roma v Verona le Formazioni

Davanti a Lopez, mi aspetto che Fonseca scelga la difesa titolare Mancini, Chris Smalling e Roger Ibañez. Jordan Veretout avrà bisogno di un partner al centro del campo e Fonseca dovrà scegliere tra Gonzalo Villar e Bryan Cristante. Sulle ali ci saranno Leonardo Spinazzola a sinistra e Rick Karsdorp a destra. In attacco  Mkhitaryan e Pellegrini dietro a Borja Mayoral.

 Il tecnico gialloblù Ivan Juric, a poche ore da questa importante partita, ha diramato la lista dei ventidue giocatori convocati, tra i quali figura anche il nuovo acquisto Kevin Lasagna, arrivato in settimana dall’Udinese.

Ecco l’elenco completo: 1 Silvestri, 3 Dimarco, 5 Faraoni, 6 Lovato, 7 Barak, 8 Lazovic, 13 Udogie, 14 Ilic, 15 Cetin, 16 Terracciano, 17 Ceccherini, 20 Zaccagni, 21 Gunter, 22 Berardi, 25 Pandur, 27 Dawidowicz, 29 Kalinic, 36 Amione, 40 Bessa, 61 Tameze, 90 Colley, 92 Lasagna.

Roma v Verona il pronostico

Nonostante la Roma ci abbia “rubato” uno dei loro difensori migliori e più promettenti (Max Kumbulla), i mastini del Verona vantano una delle migliori difese del campionato. Sotto l’occhio vigile di Ivan Juric, il Verona si è trasformato in un muro difensivo. Nel primo tempo il Verona ha subito solo 18 gol, il miglior risultato in campionato al fianco della Juventus.

Gli avversari non hanno problemi a tirare contro il Verona, ma raramente convertono i tiri in gol. Gran parte di ciò è dovuto al rendimento stellare del portiere del Verona Marco Silvestri che non ha caso è seguito proprio dai giallorossi.

Da un lato c’è una difesa veronese che concede tiri a un ritmo allarmante ma, grazie a Silvestri, non perde gol. Mentre dall’altro, c’è una squadra della Roma che si colloca tra le prime cinque o sei come percentuale di gol realizzati per ogni tiro. Potrà la Roma battere Marco Silvestri? Forse si, ma il Verona sarà capace di bucare la difesa della Roma non impeccabile.

Il pronostico dice Roma ma attenzione al periodo critico dei giallorossi (Juric non è d’accordo) che con una sconfitta si vedrebbero agganciati dai rivali della Lazio e forse superato dal Napoli. I gialloblù non hanno nulla da perdere.

Pronostico? 1-2 o 2-3 Verona.

Bookmaker
Careatteristiche.
Bonus
Rating
Visita
1 Snai Logo
5€ gratis senza deposito
Juric: Juric: “Roma in crisi? Non scherziamo, è davanti alla Juve: per noi sarà durissima”

Innanzitutto chi a roma troviamo molto in difficoltà mi permetto di dire perché sono stanno vivendo momento è difficile ma soprattutto che fede di famoso perancora risultato all’andata aveva preso che di roma proprio siete fuori di testa a tutti ma in generale note cioè il generale che arrivano e dicono roma sta davanti alla juve cheio non lo so cioè mi sembra la juve che va tutto bene che un po di difficoltà questi questi stanno davanti hanno perso un derby poi coppa a un modo strano e si parla di una roma l’ha evidentemente né una buona stampa a roma o non sanno gestire le cose la mettiamo come vogliamo però sono terzi stanno davanti a napoli atalanta lazio alla juve e parliamo roma in difficoltà per me è veramente una roba stranissima come giudici io vedo roma c’è piena di talenti c’è proprio penso che c’era un momento che giocavano assolutamente miglior calcio in italia perché sono pieni di talento di freschezza di gioventù di di modo di giocare ogni volta quando li vedo che ci sono tante cose belle da vedere cioè proprio così e penso che affrontiamo una squadra di grandissimo livello di primo livello sarà sarà dura come solito come contro napoli come contro juve questi.

Roma – Verona dove vederla?

In Italia: Sky Sport 251, Sky Sport Uno, Sky Sport Serie A, NOW TV, SKY Go Italia.

Mercato Verona arrivano Lasagna e Sturaro.

Stefano Sturaro arriva dal Genoa in prestito fino a fine stagione con opzione di acquisto per 12 milioni.

Al lavoro, anche nella vigilia di un match al quale non potrò prendere parte. Ma il recupero è vicino e sto cercando di bruciare le tappe,perché voglio meritarmi la fiducia dell’Hellas e dei suoi tifosi. Sono arrivato in un grande gruppo!💛💙.

L’Hellas Verona ha preso Kevin Lasagna in prestito con obbligo di riscatto a Giugno 2022 per €6.5m + €2.5m di bonus. Fernando Llorente dal Napoli prenderà il posto di Lasagna all’ Udinese.

Samuel DiCarmine a titolo temporaneo al Crotone.

Serie A Verona batte Napoli 3-1!

Il Verona si dimostra ancora una volta “Ammazza Grandi”. Vittorie con Atalanta, Lazio, Napoli e Roma. Pareggi con Milan e Juventus. Unica sconfitta, per 2-1, contro l’Inter. 30 punti in 19 partite e media di 1,57. Una conferma più che una sorpresa. Nonostante l’aver subito il gol più veloce della storia in Serie a con Lozano (9 secondi). Dimarco, però, ha recuperato il suo errore difensivo segnando il pareggio, poi Barak ha segnato da un angolo difficile, prima che Darko Lazovic metta dentro il cross per colpo di testa di Zaccagni.

l’Hellas Verona ha sopreso il Napoli con la vittoria casalinga per 3-1 nonostante Lozano abbia segnato il gol più veloce di sempre in Serie A dopo nove secondi.

Faraoni per Dimarco, gol!

Tabellino Hellas Verona-Napoli 3-1 (primo tempo 1-1)

Marcatori: 1′ p.t. Lozano (N), 34′ p.t. Dimarco (HV),  16′ s.t. Barak (HV), 34′ s.t. Zaccagni (HV)

Assist: 1′ p.t. Demme, 16′  s.t. Zaccagni, 34′ s.t. Lazovic

Hellas Verona (3-4-2-1): Silvestri; Dawidowicz, Günter (dal 21′ s.t. Lovato), Dimarco (dal 11′ s.t. Magnani); Faraoni, Tameze, Ilic, Lazovic; Barak, Zaccagni (dal 35′ s.t. Bessa: s.v.); Kalinic (dal 11′ s.t. di Carmine). Allenatore: Juric.

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Demme (dal 20′ s.t. Politano), Bakayoko; Lozano, Zielinski, Insigne (dal 15′ s.t. Mertens); Petagna (dal 20′ s.t. Osimhen). Allenatore: Gattuso.

Arbitro: Fabbri

Ammoniti: 16′ p.t. Demme (N), 9′ s.t di Lorenzo (N), 15′ s.t. MAgnani (HV), 27′ s.t. Koulibaly (N), 35′ s.t. Zaccagni (HV)